Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - LE FRAZIONI - GRANCIA - Storia

Storia
Testi di Di Brizio S., Buffone L, D'Amico Gabriell
La ferriera Borbonica 
 

Nella frazione di Grancia di Morino, lungo il fiume Romito, affluente del Liri, proprio nel centro del paese esiste ancora oggi un'antica ferriera inattiva che risale ai tempi borbonici. Si racconta che qui colavano il ferro per costruire le armi per la guerra. Esaminando questa ferriera notiamo che e molto solida e che a distanza di tempo ha resistito abbastanza bene, anche se e senza tetto, infatti le mura sono quasi intatte. 
 
Sotto questo grande laboratorio passa un corso d'acqua, che allora serviva per azionare il raffreddamento e per il funzionamento dei macchinari, dei quali non e rimasta alcuna traccia. Questa ferriera venne usata anche come ramiera, cioè fondevano il rame e con un maglio, azionato sempre dall'acqua, venivano fabbricate piccole caldaie per uso domestico e pentole varie. Nell'interno vi sono stanze di dimensioni enormi: c'e una stanza dove depositavano IL carbon fossile per la fusione del ferro prima e del rame dopo e una stanza dove c'erano i vari macchinari che venivano usati per queste lavorazioni.
 
 
 
L'Abbazia di S. Pietro 
 

Non tanto distante dalla contrada di Breccioso, situata vicino a Grancia, ancora oggi sono visibili i ruderi di un grande convento, infatti in questo posto sono stati eseguiti numerosi scavi da parte degli archeologi. Tramite questi scavi e lo studio delle mura che sono rimaste, gli archeologi hanno potuto dedurre che si tratti di un convento e non di una casa colonica, questo perché le mura sono abbastanza solide, anzi troppo. Questo luogo viene chiamato S. Pietro, in dialetto paesano "Sante Petre". 
 
Abbiamo indagato un po', domandando in giro alle persone e soprattutto agli anziani se avessero avuto qualche notizia o leggenda riguardante questo antico convento. Alcuni ci hanno detto che prima l'antico paese di Morino si trovava in questa zona, mentre altri hanno smentito ciò, dicendo semplicemente che li sorgeva un convento di frati dei quali e incerto l'ordinamento religioso, poiché tutta la vicenda e avvolta in un mistero. 
 
L'unica cosa certa che testimonia il tutto e l'esistenza di questi ruderi. Recentemente, circa quindici anni fa, durante gli scavi e stata rinvenuta una cassa di età non definita che conteneva il corpo di un frate e circolava una voce per il paese che questi fosse ancora intatto. Abbiamo cercato di saperne di più: se facendo, per esempio, degli esami a questa salma si fosse potuto scoprire qualcosa ma non si e saputo niente, principalmente perché non c'e interesse da parte del paese per queste cose. 
 
Testo tratto dal periodico "Radar-Abruzzo
 
 
Sei in: - LE FRAZIONI - GRANCIA - Storia

 
Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane )
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright